I Sapori di Parma

Descrizione


Tour mezza giornata - dalle 09.00 alle 13.30 - da martedì a sabato

In Italia è da sempre la "Bassa Emiliana", definita sempre più frequentemente, la Food Valley d'Italia. Si tratta di quel territorio che include le provincie di Modena, Reggio Emilia e soprattutto Parma, eletta a "capitale" di un territorio che tutto il mondo ci invidia per le sue eccellenze gastronomiche. Prima di tutto, parliamo di Parmigiano Reggiano e Prosciutto di Parma.

  1. I segreti, i profumi e la passione di chi svolge un lavoro tramandato da generazioni.
  2. La vera accoglienza emiliana
  3. Le degustazioni in azienda

Partiamo con il Parmigiano Reggiano, che racchiude in sé un viaggio unico e straordinario lungo nove secoli. Ancora oggi il Parmigiano Reggiano si fa con gli stessi ingredienti, negli stessi luoghi, con gli stessi sapienti gesti rituali di nove secoli fa. Non si fabbrica, si fa! Non è una trovata pubblicitaria, perché in verità il Parmigiano Reggiano viene fatto tutti i giorni da tanti casari che trasformano il latte in formaggio, influenzando con le loro decisioni la qualità del prodotto. Sono loro che decidono fino a quando il latte della sera deve scremare, quanto siero e quanto caglio vanno utilizzati, sono loro che seguono la cottura e sono sempre loro che curano il formaggio dalle prime ore fino alla completa maturazione.

Ed infine, quali sono i confini dell’area di produzione del Prosciutto di Parma? I confini sono l’aria profumata delle colline parmensi a sud della città, dove l’aria del mare supera più facilmente la barriera degli Appennini, dove l’abitudine alla lentezza, quasi maniacale, nell’attesa della stagionatura si è conservata fino a oggi.

Ritrovo: Partenza alle ore 09.30 da Parma Point con un minivan da 7 persone massimo. Rientro alle ore 13.00.

Validità: tutto l'anno - dal martedì al sabato.

Quota di partecipazione:  euro 75,00.

Partenza garantita minimo 2 persone.